http://italian-cooking-adventures.com/wordpress/wp-content/uploads/2013/12/IMG_0187.jpg

PINK LADY: so much more than an apple! ( part one)

Una cara persona mi dice sempre che non c’è niente di più bello nella vita che vedere uomini e donne gioiosi nel fare il lavoro con cui hanno scelto di riempire le loro giornate. Questa sensazione l’ ho provata il giorno in cui ho conosciuto Brigitte e Paul Zelger, produttori di mele PINK LADY ad Ora, in provincia di Bolzano.
Brigitte e il marito Paul sono una forza della natura: grintosi, energici e con una sintonia incredibile. Due persone con le maniche rimboccate, due tosti lavoratori.
Ci hanno ospitato nel loro agriturismo ”Engadinerhof ” e, davanti ad una fantastica tavola imbandita di formaggi e affettati locali, ci hanno raccontato le loro giornate da produttori di mele Pink Lady.
*
A dear person always tells me that there is nothing more beautiful in life than to see men and women happy and joyful in doing the work that they have chosen to fill their days. This feeling I ‘ve tried the day when I met Brigitte and Paul Zelger, PINK LADY producers in Ora, in province of Bolzano.
Brigitte and her husband are a force of nature: edgy, energetic and with an incredible chemistry. Two people with their sleeves rolled up, two tough workers.
They guested us in their agritourism “Engadinerhof” and, in front of a table full of cheeses and local meats, they talked us about their lives and their days as farmers and as Pink Lady apples producers.
 Paul & Brigitte Zelder (sopra – above)
Frutteto di mele Pink Lady (sopra)
Pink Lady apples orchard (above)

Prima di scoprire assieme i frutteti di mele Pink Lady, direi subito di stuzzicare l’ appetito mostrandovi le delizie che ci hanno offerto per pranzo…doveva essere un “light lunch” ma poi, si sa, in compagnia prese moglie anche un frate..
*
Before discovering  the orchards of  Pink Lady apples, I want to show you the delights they offered us for lunch … it had to be a “light lunch” but then, as we say here in Italy, in good company also a monk took his wife…

PROSCIUTTO AFFUMICATO (sopra): una cosa divina, me lo sogno ancora la notte e non sto scherzando…
SMOKED HAM (above): it was unbelievable, I’m still dreaming about  it at night and I’m not joking at all…

Fagottini di pasta sfoglia cucinati da Brigitte con mele Pink Lady, uvetta, cannella e zucchero (sopra)
Puff pastries made ​​by Brigitte with Pink Lady apples, raisins, cinnamon and sugar (above)

Vini (sopra) e marmellata di mora (sotto) fatti direttamente da Brigitte e Paul nel loro agriturismo Engadinerhof
Wines (above) and blackberry jam (below) made by Brigitte and Paul in their agritourism Engadinerhof
Nella foto sopra vi sono Davide e Barbara assieme al figlio: produttori di mele Pink Lady, hanno i loro frutteti in provincia di Ferrara. Anche in questo caso sono la dimostrazione che l’ unione ( e che unione!) fa la forza: Davide si occupa di seguire le coltivazioni durante l’ anno mentre Barbara gestisce il negozio dove vendono i loro prodotti e tutta la parte burocratica e commerciale…che forza che sono!
Portero’ nel cuore l’ unione e la dolcezza di questa famiglia…
*
In the picture above there are Davide and Barbara with their son: they are Pink Lady apples’ producers and they have their orchards in the province of Ferrara (Emilia Romagna). They are the proof that the union (and what an union!) makes the power: David is responsible to follow the orchards during the year while Barbara runs the shop where they sell their products and manage all the business…they are fantastic!
I will never forget the union and the sweetness of this family …
Iniziamo la vera e propria visita ai frutteti Pink Lady della famiglia Zelder ad Ora in Alto Adige: è banale da dire, ma raccogliere una mela direttamente dall’ albero è emozionante…per non parlare poi di quanto sia gustoso addentarla: croccante, succosa, dolce con una punta acidula…serve dire altro?
Una curiosità: su tutte le mele che vengono prodotte dagli alberi Pink Lady, solo dal 65% al 70% avranno diritto a di sfoggiare il famoso bollino: i criteri di qualità, precisi e misurabili, sono definiti in un disciplinare e riguardano l’ intensità della colorazione, l’ aspetto impeccabile, il tasso zuccherino, la consistenza e croccantezza (crunch!); il disciplinare è valido e immutabile in qualsiasi zona di produzione.
*
Let’s begin the visit to Pink Lady apples’ orchards owned by  Zelder family in Ora, Alto Adige: it is common to be said, but to collect an apple directly from’tree is very exciting … not to mention how tasty it is: crisp, juicy , sweet with a hint of sour … need I to tell you more?
A curiosity:among all the apples from the trees that we saw, only 65% to 70% will be eligible to show off the famous label: quality criteria, precise and measurable, are defined in a specification and relate about the ‘intensity of their color, their shape, the sugar content, texture and crispiness (crunch!); the specification is valid and unchangeable in any area of production.
I terreni di produzione delle mele Pink Lady si trovano in FRANCIA, SPAGNA (Catalogna e Costa Brava), e in ITALIA in due sole regioni : Emilia Romagna e Alto Adige.
Pink Lady è dunque anche il nome dell’ associazione\club che riunisce tutti i soggetti della filiera: VIVAISTI (12 in tutto il mondo) – PRODUTTORI (2800 in tutto il mondo) – DISTRIBUTORI (14).
E’ proprio l’ associazione Pink Lady a determinare i periodi di raccolta che vengono comunicati a tutti i produttori: le mele raccolte al di fuori di questi periodi NON possono essere commercializzate a marchio Pink Lady!
*
The territories where Pink Lady apples are produced are in FRANCE, SPAIN (Catalonia and Costa Brava), and in ITALY in only two regions: Emilia Romagna and Alto Adige.
Pink Lady is also the name of the association \ club that brings together all stakeholders in the supply chain: NURSERYMEN (12 worldwide) – PRODUCERS(2,800 worldwide) - DISTRIBUTORS (14).
It ‘s the  Pink Lady club to determine the harvesting periods that are communicated to all producers: apples harvested outside of these periods MAY NOT be marketed as Pink Lady apples!
Ecco qui i nostri mitici produttori tra  loro mele: senza dubbio alcuni degli ingredienti principali della bontà di queste mele sono anche il TEMPO , la PASSIONE e l’ ENERGIA dei produttori stessi:  Brigitte e Paul mi hanno detto che la ricompensa emotiva determinata dalla bellezza del frutteto supera l’ interesse finanziario, per loro lavorare tra gli alberi di mele ogni giorno è come essere in vacanza (hanno usato testuali parole!!), non perchè il loro lavoro non sia faticoso e duro (anzi…) ma perchè per loro è una vera gioia poter fare ogni singolo giorno ciò che veramente amano…
*
Here are out fantastic producers among thier apples, no doubt that some of the main ingredients of the goodness of these apples are also the producers’ TIME, PASSION and ENERGY: Brigitte and Paul told me that the emotional reward determined by the beauty of the orchard exceeds the financial interest, for them   working every day among their apples trees is like being on holiday (they used the exact words!), not because their work is not tiring and hard (not at all. ..) but because for them is a real joy to be able to do every single day what they really love …
Questa è una parte del team (foto sopra) che è andato alla scoperta del mondo Pink Lady in Alto Adige!
Ecco un’ anteprima di quello che ci sarà nelle prossime puntate : la cena, a tema mele Pink Lady ovviamente, preparata  dallo chef stellato Luis Haller presso il ristorante Castel Fragsburg, la ricetta di Luis Haller per lo strudel con mele Pink Lady e infine un breve tour per le vie di Merano!
A prestissimo amici miei!
Mary
*
This is a part of the team (pictured above) who discovered the fantastic world of Pink Lady apples in Alto Adige!
Here’s a ‘preview of what will be in the next episodes: the dinner, made with Pink Lady apples (of course!), cooked by Michelin-starred chef Luis Haller at  Castel Fragsburg, Luis Haller’s recipe for Pink Lady apple strudel and finally a short tour through the streets of Merano!
See you soon my friends!
Mary
Ph by Maria Andreucci