http://italian-cooking-adventures.com/wordpress/wp-content/uploads/2013/09/Schermata-2013-05-31-alle-17.03.20-2.png

Il presente ci appartiene!

Sto rileggendo in questi giorni il libro “GROM: storia di un’ amicizia, qualche gelato e molti fiori” di Federico Grom e Guido Martinetti. I due ragazzi autori del libro sono i fondatori della gelateria italiana più famosa e apprezzata nel mondo: GROM per l’ appunto.
Vi parlerò di questo libro in un post specifico perché merita davvero: al suo interno sono custodite parole speciali, dedicate a chi ha un sogno e un progetto che custodisce nel cuore, a chi ha grinta e volontà da vendere, a chi vuole fare del proprio meglio ogni singolo giorno.
Questo libro forse non vi cambierà la vita ma sono sicura che troverete al suo interno proprio le parole di cui avete bisogno! Parole di incoraggiamento e di forza, qualunque siano le difficoltà che vi aspettano o che state affrontando e, soprattutto, qualunque sia il vostro sogno!
Curiosando nel web, ho trovato questo articolo (foto sopra) scritto da Guido Martinetti, uno dei due fondatori della gelateria Grom: sintetizza la sua storia personale in un paio di righe, ma le parole che scrive lasciano un segno…forse ammettere a se stessi di aver sbagliato strada è il passo piu’ difficile, a me per prima è successo ciò, ma la gioia di dare alla propria vita la direzione che più ci realizza come persone e che piu’ ci fa brillare è mille volte più grande della fatica e della sofferenza che si prova nel mettersi in discussione e nel ricominciare da capo…voglio condividere questo articolo di Guido Martinetti con chi sente di non avere il timone della propria vita, con chi ha sbagliato università, con chi sa che sta reprimendo un sogno, con chi pensa di non aver coraggio, con chi è fermo davanti un ostacolo: le storie di persone come i fondatori di Grom servono per farci capire che la vita è nelle nostre mani , non è mai troppo tardi per dare ad essa la direzione che vogliamo: è un nostro DIRITTO ( e forse anche un dovere!) e  ne abbiamo le piene CAPACITA’, altrimenti non saremmo qui su questa terra: IL PRESENTE CI APPARTIENE!
Mary