http://italian-cooking-adventures.com/wordpress/wp-content/uploads/2012/05/IMG_7226_2.jpg

HUMMUS!

La ricetta che state per vedere crea fortissima dipendenza, e non sto scherzando!
 Ho scoperto l’ hummus a Londra: si tratta di una salsa/ crema di origini mediorientali a base di ceci, onnipresente nei negozi alimentari del Regno Unito. Viene utilizzata in centomila maniere: da spalmare sulla pita o sul pane arabo, assieme a verdure fresche quali carote e sedano,come antipasto, sulla carne o semplicemente potete seguire il mio esempio e mangiarlo a cucchiaiate senza nessun tipo di accompagnamento…
Non trovando l’ hummus a Cesena, sono dovuta correre ai ripari e cercare la ricetta che si è rivelata essere fantasticamente semplice. Tra gli ingredienti necessari vi è la la TAHINA: non disperate se il nome vi sembra sconosciuto… anche io appena l’ho letto ho strabuzzato gli occhi e sono ricorsa al magico google per capire si cosa si trattasse: è una crema a base di solo sesamo. Pensavo fosse uno di quegli ingredienti inutili e superflui e  invece, confrontando le varie ricette  arabe, ho scoperto che la tahina è fondamentale. La trovate in tutti i negozi di prodotti biologici o etnici, ma anche nei grandi supermercati.
Partiamo con la ricetta!
Ecco la tahina (foto sopra): è terribile mangiarla da sola ( è come mangiare una banana verdissima) ma è ottima e fondamentale come ingrediente nella preparazione di hummus, falafel ecc..
INGREDIENTI:
- 350 gr di ceci bolliti
-1 spicchio d’aglio ( l’ideale sarebbe aglio fresco)
- il succo di un limone
- 2 cucchiai di tahina ( quella nella foto sopra!)
- mezzo bicchiere d’acqua
- 5 cucchiai di olio d’oliva
- 1 pizzico di sale
Mettere nel frullatore i ceci bolliti, due cucchiai di tahina, un pizzico di sale, il succo di un limone, lo spicchio d’aglio e l’ olio d’ oliva. Inziare a frullare, aggiungere gradualmente il mezzo bicchiere d’acqua per ottenere una crema consistente ma NON secca. Qualora il composto sia secco , aggiungere un po’ d’acqua ( un hummus secco non è un hummus buono!). Servire e decorare a piacere: io ho messo un po’ di paprica e due gocce di olio extra vergine di oliva, come fanno i nostri amici libanesi da cui compriamo i falafel a Londra!
Buon Appetito!… e poi scrivetemi se anche voi siete caduti nelle grinfie della hummus- dipendenza!
PHOTOS BY MARIA ANDREUCCI